Dopo una doppia ma dignitosa batosta, gli Azzurri si preparano a rilanciare con più energia che mai la rovente palla ovale del torneo 6 Nazioni, evento imperdibile per gli amanti del rugby internazionale. L’appuntamento coi tifosi italiani è allo Stadio Olimpico di Roma, sabato 22 febbraio.

TRE, IL NUMERO PERFETTO?

Contro la Scozia, la terza squadra sfidata quest’anno e la prima nella storia del torneo, il CT Jacques Brunel ha convocato 29 giocatori per la preparazione alla terza giornata dell'RBS 6 Nazioni 2014: in campo saranno assenti Andrea Masi e Tito Tebaldi mentre, a causa dell'attesa udienza disciplinare su Michele Rizzo, il pilone sinistro che ha ricevuto il cartellino rosso domenica scorsa in campo francese, resta ancora avvolto dal mistero il nome del trentesimo rugbista che completerà la formazione. 


Al loro terzo match del torneo gli Azzurri dovranno farsi valere dopo le sconfitte subite in terra straniera, prima con l’esordio contro i Dragoni del Galles (campioni in carica), poi in trasferta contro i cugini transalpini. In casa però la vittoria potrebbe essere favorita da almeno due fattori: l’atmosfera bollente dell’Olimpico di Roma, che sicuramente saprà incoraggiare la squadra al fatidico terzo tempo, e la schiacciante sconfitta degli Scozzesi, demoliti dagli agguerritissimi Inglesi. L’Italia potrà arrivare quindi pronta ad asfaltare i rivali e rincorrere il Grande Slam e il titolo. E magari potrà fare a meno di affidare le sorti dell’attesa gara alla fortuna o di scomodare la… Trinità.

L’ADDIO DI CARLO DEL FAVA

Manca una settimana alla rivalsa dei nostri rugbisti, probabilmente un tempo necessario per digerire il recente ritiro dalla scena sportiva del campione Carlo Antonio Del Fava (Azzurro 559, 54 caps), seconda linea dei Newcastle Falcons e della Nazionale Italiana Rugby. Dopo aver reso onore alla maglia azzurra in ben due mondiali, Fava, molto amato dai tifosi italiani, ha dovuto lasciare il campo per un infortunio al collo. Classe ’81, il campione nato in Sud Africa per ironia della sorte aveva esordito nel Sei Nazioni esattamente dieci anni fa.

IL CALENDARIO DEI MATCH

I GIORNATA
SABATO 1 FEBBRAIO ORE 14:30
Galles vs ItaliaCardiff Millennium Stadium23-15
II GIORNATA
DOMENICA 9 FEBBRAIO ORE 16:00
Francia vs ItaliaParigi Stade de France30-10
III GIORNATA
SABATO 22 FEBBRAIO ORE 14:30
Italia vs ScoziaRoma Stadio Olimpico-
IV GIORNATA
SABATO 8 MARZO ORE 14:30
Irlanda vs ItaliaDublino Aviva Stadium-
V GIORNATA
SABATO 15 MARZO ORE 13:30
Italia vs InghilterraRoma Stadio Olimpico-

UN TORNEO CENTENARIO

Il 6 Nazioni nasce nel lontano 1883 come “International Championship”, giocato inizialmente da quattro nazioni: Inghilterra, Galles, Irlanda e Scozia. Nel 1910 alle isole britanniche si aggiunge la Francia e il torneo diventa “Cinque nazioni”: la battaglia per il titolo si accende spesso tra Francia e Inghilterra, dominatrice di diverse edizioni. Il campionato annuale viene interrotto solo durante i due conflitti mondiali e quello nordirlandese. Il 5 febbraio 2000 l’Italia esordisce contro la squadra che aveva vinto quello che diventerà l’ultimo Trofeo delle Cinque Nazioni, la Scozia. Quest’anno è al suo quattordicesimo Sei Nazioni la squadra azzurra, un team ancora in crescita e per la seconda volta consecutiva guidato da Brunel, che ha portato nella bacheca italiana il suo secondo Trofeo Garibaldi.

PRENOTA UN VOLO ALITALIA PER ROMA E CORRI ALLO STADIO A TIFARE GLI AZZURRI!



Foto homepage @Federugby

CERCA IL TUO VOLO

DA
Inserisci la città di partenza
A
Inserisci la città di arrivo
Inserisci la data di partenza
Inserisci la data di ritorno