Voli Firenze

Poche città al mondo possono vantare la straordinaria ricchezza artistica e culturale di Firenze, un enorme museo a cielo aperto che lascia senza fiato e incanta milioni di visitatori ogni anno. 


Firenze non è solo una città d’arte, ma “un’opera d’arte essa stessa”, come si legge nelle note per l’elezione del centro storico fiorentino a Patrimonio Mondiale dell’Umanità da parte dell’Unesco: un patrimonio realizzato dal genio creativo di grandi artisti come Brunelleschi e Leon Battista Alberti, Masaccio e Filippo Lippi, Botticelli, Donatello, Ghiberti, Luca della Robbia, Giotto, Beato Angelico, senza dimenticare Galileo e i due grandissimi ingegni di Leonardo da Vinci e Michelangelo.

FIRENZE, UN MUSEO A CIELO APERTO

E sì perché ogni angolo può celare una sorpresa: lungo l’Arno o tra i vicoli detti “chiassi” (che sembrano ancora risuonare di medievali chiacchiericci), sui ponti che regalano suggestive vedute o dalle superbe prospettive dall’alto, dalle colline che circondano la città (da Fiesole il panorama abbraccia tutta la valle dell’Arno e i tramonti sono indimenticabili), o in cima alla cupola di Santa Maria in Fiore oppure dalla terrazza d’onore, Piazzale Michelangelo, con San Miniato al Monte, la chiesa “che soggioga”, per dirla come Dante, da dove lo sguardo si apre sulla città, in tutta la sua magnificenza.

IL FASCINO E IL MISTERO DI PONTE VECCHIO

Riscendendo lungo l’Arno, non si può non accennare alla storia di Ponte Vecchio, con la sua aria di antica quotidianità e sue caratteristiche casette, come “appese” sui piloni, costruite disordinatamente dai beccai, i macellai, che prima vennero isolati sul ponte per salvaguardare l’igiene pubblica per poi esserne allontanati e fare posto alle botteghe di orafi e gioiellieri che meglio avrebbero contribuito a dare lustro e prestigio alla famiglia de’ Medici In occasione del matrimonio del figlio Francesco con Giovanna d’Austria, il Granduca di Toscana Cosimo I incaricò Giorgio Vasari, di progettare un ambizioso percorso sopraelevato, che collegasse Palazzo Vecchio, centro politico e amministrativo, con la reggia privata, Palazzo Pitti, attraversando la prestigiosa Galleria degli Uffizi. In soli cinque mesi, nel 1595, i lavori erano terminati e i Granduchi potevano circolare, in sicurezza, godendo di una vista privilegiata, a tutto tondo sulla città e … di origliare indisturbati gli umori del popolo dagli oblò aperti lungo il percorso.

Il “Corridoio Vasariano”, lungo più di un chilometro, è oggi visitabile, su prenotazione.

Il cuore politico di Firenze, Piazza della Signoria, oggi come ieri, pulsa di arte “democratica”, caso quasi unico nel panorama mondiale, un grandangolo armonico di capolavori esposti nella piazza e fruibili liberamente, giorno e notte, dove storia e mito si intrecciano:

la Loggia dei Lanzi, un vera e propria galleria con sculture, tutte originali, di inestimabile valore, il David di Michelangelo, simbolo per eccellenza della città (l’originale della statua è conservato nella Galleria dell’Accademia), il Nettuno dell’Ammannati e naturalmente il maestoso Palazzo Vecchio, sede dell’amministrazione cittadina.

Il salotto che ospita invece il cuore religioso della città è Piazza Duomo, con il Battistero di San Giovanni con le porte del paradiso di Ghiberti, il Duomo o Cattedrale di Santa Maria in Fiore e il celebre Campanile di Giotto, un complesso che sembra un tutt’uno grazie all’armonia cromatica dei marmi.

Bisogna tener presente che, oltre al famosissimo Museo degli Uffizi, Firenze vanta oltre 70 musei che meriterebbero da soli una visita alla città e siccome si sa, troppi sapori insieme finiscono per far perdere sapore, il consiglio è di fare le proprie scelte in anticipo, per calibrare al meglio il tempo a disposizione.

SHOPPING, DIVERTIMENTO E GUSTO

Per gli appassionati dello shopping Firenze è un vero paradiso grazie alla innumerevoli attività commerciali, le eleganti boutique d'alta moda e le famose botteghe che mantengono viva la tradizione dell’artigianato fiorentino e del made in Italy di alta qualità. Meritano una visita il centrale mercato di San Lorenzo il popolare mercato delle Cascine e il mercatino all’interno della Loggia del Mercato Nuovo (detta anche del Porcellino per via della famosa fontana del cinghiale) e il tipico mercato delle pulci di Piazza dei Ciompi.

La cucina fiorentina, autentica gioia per i cultori del mangiare (e bere) bene, grazie alla qualità e freschezza delle materie prime e alla sapienza della lavorazione, ha avuto come ambasciatrice d’eccellenza Caterina de' Medici, regina di Francia, che portò con sé cuochi e pasticceri introducendo nella corte francese gli aromi e i profumi di Firenze.
Lasciatevi deliziare dai piatti tipici come la “fiorentina”, così famosa da rendere superfluo chiamarla “bistecca”, i crostini toscani (il tipico antipasto a base di fegatini), la pappa al pomodoro, le crespelle alla fiorentina, la ribollita, i fagioli all’uccelletto, il tutto rigorosamente accompagnato da un buon Chianti DOCG.

Prepara le valigie e scegli il comfort di un volo Alitalia per raggiungere Firenze.

CERCA IL TUO VOLO

DA
Inserisci la città di partenza
A
Inserisci la città di arrivo
Inserisci la data di partenza
Inserisci la data di ritorno