Limitazioni alla mobilità

 

LIMITAZIONI ALLA MOBILITÀ

 

A causa dell’evoluzione dello scenario pandemico la mobilità, nazionale ed internazionale, può subire delle limitazioni imposte dai Governi locali. È dunque consigliabile, prima di programmare un viaggio, verificare le ultime disposizioni. La violazione delle norme sul Covid-19 può comportare il mancato di imbarco sul volo oppure il diniego da parte delle Autorità Locali ad entrare nel Paese di destinazione.

 

OBBLIGO DEL GREEN PASS

 

Come previsto dal D.L. 111 del 6 agosto 2021, dal 1° settembre 2021 è obbligatorio presentare il Green Pass (Certificazione Verde Covid-19) al momento dell’imbarco del proprio volo sia per le destinazioni nazionali che internazionali. Facendo seguito alle successive disposizioni dell’ENAC è, inoltre, necessario essere in possesso di tale documentazione per accedere alle aree sensibili (successive ai varchi di sicurezza) di tutti gli aeroporti italiani.

 

Il Green Pass è accettato sia in formato digitale che cartaceo nelle lingue italiana, inglese, francese e spagnola. 

 

Per i voli internazionali la Compagnia ha l’obbligo di verificare le date di somministrazione del vaccino, dettaglio non verificabile dal QR Code ma dal certificato.  Consigliamo dunque di stamparlo in caso di assenza di connessione internet.

 

VOLI NAZIONALI

 

 Al momento dell’imbarco sarà necessario esibire uno dei seguenti Green Pass:

 

  • avvenuta vaccinazione almeno con la prima dose con vaccino validato dall’EMA
  • avvenuta guarigione da Covid-19 in un periodo non superiore a 180 giorni antecedenti all’ingresso in Italia;
  • referto negativo a seguito di tampone molecolare o antigenico effettuato entro le 48 ore antecedenti l’imbarco del proprio volo.
 

Le disposizioni che riguardano la mobilità nazionale italiana sono pubblicate sul sito del Governo Italiano insieme a tutte le altre norme che riguardano le attività aperte e autorizzate durante la pandemia. Potrebbero esserci delle norme locali dedicate a completamento di quelle nazionali; per tale ragione ti suggeriamo di controllare anche il sito della Regione di destinazione.

 

VOLI INTERNAZIONALI

 

Il sito di riferimento per chi intende volare dall’Italia verso altri Paesi è http://www.viaggiaresicuri.it dove sono pubblicate le disposizioni previste dai singoli Stati in merito al contenimento del Covid-19.

Ogni Paese estero ha delle specifiche documentazioni da produrre (Green Pass, compilazione del dPLF, ecc): vi preghiamo di prendere visione sul sito http://www.viaggiaresicuri.it perché in assenza di documentazione incompleta o assente sarà rifiutato l’imbarco.

 

PER CHI VOLA DALL’ITALIA VERSO ALTRI PAESI

 

Il sito di riferimento per chi intende volare dall’Italia verso altri Paesi è http://www.viaggiaresicuri.it dove sono pubblicate le disposizioni previste dai singoli Stati in merito al contenimento del Covid-19.

 

Ogni Paese estero ha delle specifiche documentazioni da produrre (Green Pass, compilazione del dPLF, ecc.), in caso di documentazione incompleta o assente sarà rifiutato l’imbarco.

 

Di seguito le specifiche di dettaglio per chi vola verso alcune località:

VOLARE NEL REGNO UNITO

Come da ultime disposizioni delle Autorità Britanniche, tutti i passeggeri in arrivo nel Regno Unito da Paesi non appartenenti alla Common Travel Area, compresi i cittadini e i residenti nel Regno Unito, hanno l’obbligo di presentare un certificato di test negativo al Covid-19, effettuato entro 3 giorni dalla partenza del volo. Tale documentazione sarà accettata solo se in lingua inglese, spagnola o francese. 

E' responsabilità del passeggero assicurarsi che il test soddisfi gli standard minimi richiesti per i dettagli di sensibilità, specificità e carica virale (prestazione di specificità ≥97%, sensibilità ≥80% a cariche virali superiori a 100.000 copie/ml).

Tutte le tipologie di test NHS, distribuiti dal Sistema Sanitario Nazionale Britannico, non sono validi come test pre-partenza, i test vanno svolti privatamente presso laboratori o farmacie.

Inoltre, tutti i passeggeri, indipendentemente dalla loro provenienza, devono aver completato il  Passenger Locator Form nelle 48 ore precedenti il loro arrivo nel Regno Unito dichiarando tutti i paesi visitati o in cui si è transitato nei 10 giorni precedenti l'arrivo. Prima della partenza controlla l'elenco dei paesi rossi, gialli e verdi, poiché può essere aggiornato regolarmente.

Passeggeri da paesi nell'elenco rosso

1. Prenota un pacchetto di quarantena in hotel gestito prima della partenza su: https://quarantinehotelbookings.ctmportal.co.uk/

2. Compila il Passanger Locator Form

Puoi entrare solo se sei un cittadino britannico o irlandese o hai diritto di soggiorno nel Regno Unito. È necessario entrare attraverso un porto designato e osservare la quarantena in un hotel approvato dal governo per 10 giorni.

Passeggeri da paesi nell'elenco giallo

1. Prenota, prima della partenza, un pacchetto di due test Covid 19 (Travel Test Package) da eseguire il giorno 2 e 8 della quarantena obbligatoria di 10 giorni

2. Se sei in quarantena in Inghilterra, è possibile optare per il programma Test to Release che consente di ridurre il periodo di isolamento a 5 giorni. Per maggiori informazioni visita la pagina: www.gov.uk/guidance/coronavirus-covid-19-test-to-release-for-international-travel

3. Compila il Passanger Locator Form (modulo localizzazione passeggeri)

4. Pianifica l'auto-quarantena in alloggi privati per 10 giorni completi dopo l'arrivo (o per l'intera durata del soggiorno se inferiore a 10 giorni)

Dal 19 luglio il Governo Britannico ha stabilito differenti regole d'ingresso per i cittadini britannici e gli stranieri residenti nel Regno Unito che siano pienamente vaccinati nell'ambito del programma di vaccinazione UK. Clicca qui per tutti i dettagli.

Passeggeri da paesi nell'elenco verde

1. Prenota, prima della partenza, un test per il secondo giorno dopo l'arrivo

2. Compila il Passanger Locator Form (modulo localizzazione passeggeri)

Queste misure si applicano a tutte le persone (compresi i cittadini e i residenti del Regno Unito) che arrivano in Inghilterra da aree al di fuori della Common Travel Area comprendente il Regno Unito, l'Irlanda, l'Isola di Man e le Isole del Canale. I Territori d'oltremare britannici non si trovano nella Common Travel Area. I requisiti di salute pubblica possono variare a seconda della nazione del Regno Unito in cui soggiornate.

Inghilterra: www.gov.uk/uk-border-control

Irlanda del Nord: www.nidirect.gov.uk/articles/coronavirus-covid-19-international-travel-advice

Scozia: www.gov.scot/publications/coronavirus-covid-19-international-travel-quarantine/

Galles: https://gov.wales/arriving-wales-overseas

Il mancato rispetto di queste misure è un reato penale e soggetto a sanzioni. Vi è una serie limitata di eccezioni a queste misure. Controlla attentamente l'elenco delle eccezioni. Potresti essere sanzionato se applichi in modo fraudolento un'eccezione.

i ricordiamo che sui trasporti pubblici nel Regno Unito è obbligatorio per legge indossare una maschera protettiva per il viso.

Vedi www.gov.uk/uk-border-control per una consulenza dettagliata in materia di salute pubblica e per i requisiti per entrare nel Regno Unito

Per informazioni complete vedi www.gov.uk/guidance/coronavirus-covid-19-testing-for-people-travelling-to-england

 

PER CHI VIENE IN ITALIA DA ALTRI PAESI

 

Se voli in Italia provenendo da altri Paesi, ti consigliamo di verificare il sito Viaggiare Sicuri  dove sono indicate tutte le disposizioni in materia di contenimento del Covid-19 per chi viene dall’estero in Italia.

 

Chi entra in Italia da Albania e Regno Unito deve presentare alla Compagnia (o a chi sia deputato al controllo) al momento dell’imbarco, oltre al dPLF, le seguenti certificazioni:  

 

  • avvenuta vaccinazione con vaccino validato dall’EMA e con ciclo completato da almeno 14 giorni;
  • referto negativo a seguito di tampone molecolare o antigenico effettuato entro le 72 ore (48 se si proviene dal Regno Unito) antecedenti all’ingresso sul territorio nazionale.

In caso di possesso di entrambe le certificazioni non sarà necessario l’isolamento fiduciario all’arrivo in Italia; in caso contrario, sarà consentito l’imbarco ma sarà obbligatorio sottoporsi a isolamento fiduciario per 5 giorni presso l’indirizzo indicato nel Passenger Locator Form seguito da test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone, alla fine di detto periodo.

 

L’Ordinanza del Ministero della Salute del 28 agosto stabilisce inoltre che, chiunque entri in Italia da Stati Uniti e Giappone, deve presentare alla Compagnia (o a chi sia deputato al controllo) al momento dell’imbarco, oltre al dPLF, le seguenti certificazioni:  

 

  • avvenuta vaccinazione con vaccino validato dall’EMA e con ciclo completato da almeno 14 giorni;
  • referto negativo a seguito di tampone molecolare o antigenico effettuato entro le 72 ore antecedenti all’ingresso sul territorio nazionale.

La sola documentazione dell’avvenuta vaccinazione non è un requisito sufficiente per poter viaggiare: infatti, nel caso di assenza del tampone molecolare o antigenico negativo non sarà permesso l’imbarco.


Nel caso, invece, di assenza del certificato vaccinale ma presentando il tampone negativo, sarà consentito l’imbarco ma sarà obbligatorio sottoporsi a isolamento fiduciario per 5 giorni presso l’indirizzo indicato nel Passenger Locator Form seguito da un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone, alla fine di detto periodo. 

 

Le certificazioni sono accettate sia in formato digitale che cartaceo nelle lingue italiana, inglese, francese e spagnola. La Compagnia ha l’obbligo di verificare le date di somministrazione del vaccino, dettaglio non verificabile dal QR Code ma dal certificato.  Consigliamo dunque di stamparlo in caso di assenza di connessione internet.

Per ulteriori dettagli clicca qui.

 

Ti ricordiamo che, in base all’Ordinanza del Ministero della Salute del 14 maggio 2021, dal 24 maggio, tutti i passeggeri in arrivo in Italia da un Paese estero, dovranno compilare i dPLF ( Digital Passenger Locator Form ) prima di effettuare l’imbarco sul volo diretto sul territorio nazionale.

 

Per compilare il Passenger Locator Form in formato digitale, segui questi passi:

1. Collegati al sito https://app.euplf.eu/#/

2. Segui la procedura guidata per accedere al dPLF 3. Scegli “Italia" come Paese di destinazione 

4. Registrati al sito creando un account personale con user e password

5. Compila e invia il dPLF seguendo la procedura guidata

 

Una volta inviato il modulo, riceverai all'indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione, il dPLF in formato pdf e il QRcode che dovrai mostrare al momento dell’imbarco e/o a chiunque deputato ad effettuare i controlli. In alternativa, potrai stampare una copia del dPLF da mostrare.

 

Il dPLF dovrà essere completato e inviato obbligatoriamente prima dell’imbarco. Sarà comunque sempre modificabile il campo relativo al numero di posto assegnato. 

 

Essendo un obbligo di legge, la mancata compilazione del dPLF, non consentirà l’imbarco sul volo.

 

In casi eccezionali, ovvero esclusivamente a fronte di impedimenti tecnologici, sarà possibile compilare e presentare al posto del dPLF il modulo cartaceo.

 

Ti ricordiamo che è necessario compilare, prima dell’imbarco, anche l’autocertificazione che attesti di non aver avuto contatti con persone affette da patologia Covid-19.
L’autocertificazione è digitale e può essere compilata durante le operazioni di web check-in, qui trovi tutte le info.
Se non hai la possibilità di effettuare il check-in online non ti preoccupare: puoi sempre scaricare il modulo cartaceo qui e presentarti in aeroporto con l’autocertificazione già compilata in ciascun campo.

 

Ricordiamo che è necessario compilare l’autocertificazione per ogni passeggero e per ogni tratta.


Qui trovi tutte le info

 

AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO

 

Le operazioni Alitalia sono tutte effettuate presso il Terminal 3.

 


ACCESSO AL TERMINAL 3 E CONTROLLO TEMPERATURA CORPOREA
 

Potranno accedere al Terminal 3 solo i passeggeri con regolare titolo di viaggio; non sarà consentito l’accesso agli accompagnatori con la sola eccezione per i passeggeri di minore età e per i passeggeri a ridotta mobilità.

 

AREA PARTENZE

L’accesso all’area Partenze sarà consentito dalle ore 05.00 alle ore 23.59 attraverso la Porta numero 5 o dal camminamento stazione/terminal per chi arriva dal treno. Tutte le altre porte di accesso saranno inibite.

Il flusso in uscita dall’area partenze sarà consentito attraverso la porta numero 3 o dal camminamento terminal/stazione.

AREA ARRIVI

L’accesso all’area Arrivi sarà consentito dalle ore 03.30 alle ore 23.59 attraverso la porta d’ingresso numero 4. Il flusso in uscita dall’area arrivi sarà consentito tramite la porta numero 2. Il sottopasso stazione/terminal sarà inibito in entrambi i sensi di marcia.

Ogni accesso in area Terminal è subordinato alla verifica della temperatura corporea che non dovrà essere superiore a 37,5°C. La misurazione della temperatura verrà effettuata tramite termoscanner.

CHECK-IN

A disposizione dei nostri clienti sono previste 15 postazioni Check-in:

  • se voli in Business Class, in Premium Economy, o se sei un passeggero SkyPriority, potrai effettuare il check-in presso i banchi riservati 166 – 168
  • se viaggi verso gli Stati Uniti d’America devi effettuare le operazioni di accettazione ai banchi 154 – 156
  • minori non accompagnati potranno recarsi presso il banco 166 con assistenza dedicata
  • tutti gli altri passeggeri potranno recarsi ai banchi 169 - 177

 

Le operazioni di imbarco sono effettuate presso il Molo E con la seguente modalità:
 

  • i gates E1-E18 saranno dedicati ai voli nazionali ed Area Schengen;
  • i gates E19-E24 saranno dedicati ai voli verso Paesi Extra-Schengen.

 

I Moli B e D, invece, resteranno temporaneamente chiusi.

 

I clienti con diritto di accesso alle lounge potranno ritirare un complimentary voucher presso i banchi SkyPriority del Terminal 3.